Salta il contenuto
Prezzo sempre trasparente: qualunque sia il metodo di pagamento selezionato, non applichiamo nessuna tariffa aggiuntiva al check-out
Prezzo sempre trasparente: qualunque sia il metodo di pagamento selezionato, non applichiamo nessuna tariffa aggiuntiva al check-out
Guida alla scelta della caldaia - MIss Clima consiglia

Guida alla scelta della caldaia - MIss Clima consiglia

La tua vecchia caldaia ti ha abbandonato e devi comprarne una nuova? Stai mettendo su casa e non sai quale scegliere? Ecco una guida semplice e pratica all'acquisto della tua caldaia ideale. 

Per chi non è esperto, orientarsi nell'acquisto della caldaia può sembrare un'impresa titanica, ma in realtà è molto più semplice di quello che si pensa.

Molti preferiscono affidarsi ad uno specialista, per evitare di complicarsi troppo la vita. Ma attenzione, anche se non siamo esperti è sempre meglio avere un'idea di come spenderemo i nostri soldi.

Le tipologie e i modelli sono davvero tanti, e anche i prezzi delle caldaie possono variare in maniera significativa. E poi, vuoi mettere il gusto di decidere quale sarà la tua nuova caldaia?

Qual è la caldaia giusta per me?

A questa domanda amletica proveremo a dare risposte semplici, in modo da poterti orientare con facilità nel complesso mondo delle caldaie. Ecco un elenco dei modelli di caldaie più utilizzate: 

  • Caldaia a condensazione
  • Caldaia a camera aperta
  • Caldaia ad accumulo
  • Caldaia ad incasso
  • Caldaia a pellet e biocombustibili

Caldaia a condensazione: come funziona e quanto costa

Negli ultimi anni le caldaie a condensazione sono tra le più utilizzate. Di fatto, permettono di contenere le spese di riscaldamento (fino al 30%) e hanno un impatto ambientale contenuto.

A differenza delle caldaie tradizionali a tenuta stagna, le caldaie condensazione ottimizzano l'uso dell'energia generata dalla combustione del gas, senza disperderlo. L'energia dei gas combusti viene coinvogliata all'interno dello scambiatore primario. Il calore recuperato permette di scaldare prima l'acqua e ridurre i costi (di media fino al 30%).

Le caldaie a condensazione sono disponibili sia a GPL che a Metano e da settembre 2015 è obbligatoria l’installazione di caldaie a condensazione, con certificazione energetica ErP.

Rispetto alle caldaie tradizionali, le caldaie a condensazione hanno un costo decisamente più elevato. I prezzi di una caldaia a condensazione oscillano tra 500 € e i 3.500 €. Ovviamente senza tener conto dell'istallazione.

In compenso, i costi possono essere abbattuti in breve tempo, dato che il risparmio energetico è notevole: si arriva a ridurre i costi per la produzione dell’acqua calda nell’ordine del 15-20%, per una temperatura di circa 80°C, del 20-20% per una temperatura di circa 60° C e del 40% per impianti che lavorano a bassa temperatura, circa 30-50° C.

Inoltre, acquistando una caldaia a condensazione è possibile accedere a diversi sgravi fiscali, come il conto termico. 

Qui le caldaie a condensazioni presenti nel nostro catalogo.

Dove va installata una caldaia a condensazione?

Se vivi in un condominio e questo prevede una canna fumaria collettiva, non è consigliabile installare una caldaia a condensazione. Gli impianti presenti in alcuni vecchi condomini hanno canne fumarie ramificate e l'installazione richiederebbe la modifica degli impianti. È però possibile, per un condomino che lo desideri, installare una caldaia a condensazione trovando soluzioni alternative per lo scarico dei fumi e dei liquidi di condensazione.

Le caldaie a condensazione possono essere installate in qualsiasi ambiente della casa, anche all'esterno, anche se è preferibile installarla all'interno, in modo da avere un maggiore risparmio energetico. 

Caldaia a camera aperta: come funziona e quanto costa

Le caldaie a camera aperta, come si intuisce dal nome, funzionano prelevando dall'ambiente circostante l'ossigeno necessario per la combustione. A differenza di quelle a condensazione, le caldaie a camera aperta vanno sempre installate all'esterno, in una posizione che consenta il recupero dell’ossigeno necessario al suo corretto funzionamento.

La caldaie a condensazione sono preferibili in quanto consentono un maggior risparmio energetico e hanno un minore impatto ambientale, ma è ancora possibile installare questo la caldaia a camera aperta, laddove non si possa sostituire con una caldaia a condensazione.

Qui le caldaie a condensazioni presenti nel nostro catalogo.

Caldaia ad accumulo: come funziona

Rispetto alle caldaie viste finora, che riscaldano quando vengono azionate, le caldaie ad accumulo hanno un serbatoio di acqua calda. In questo modo, si riduce lo spreco d'acqua, in attesa che si riscaldi, e al tempo stesso permettono l'arrivo di acqua calda contemporaneamente in più parti di un'abitazione. Ovviamente, più grande sarà il serbatoio, maggiore sarà l'acqua a disposizione. E ciò rende necessario uno spazio abbastanza grande dove installare caldaia e serbatoio. 

Caldaia ad incasso: come funziona 

A differenza dalle caldaie ad accumulo, le caldaie ad incasso sono l'ideale per chi dispone di poco spazio, in quanto vengono installate all'esterno, incassate nel muro e coperte da uno sportelletto o un armadio a scomparsa.

Lo scarico dei fumi può essere installato nella parte laterale, di fronte o nella parte superiore, e la maggior parte di queste caldaie sono dotate di un telecomando o di un termoregolatore che permette la regolazione dall'interno dell'abitazione.  

Caldaie a pellet e biocombustibile: come funzionano e quanto costano

Fin qui abbiamo visto caldaie che utilizzano combustibili fossili (GPL o Metano), ma è possibile utilizzare altri tipi di caldaie che producono calore attraverso la combustione di pellet o multicombustibili. Si tratta di caldaie che necessitano di ambienti molto grandi per l'installazione, hanno dei prezzi più elevati, ma in compenso garantiscono un bassissimo impatto ambientale e un'elevata efficienza energetica.

La caldaia a pellet 

Per prima cosa, le caldaie a pellet non vanno confuse con le stufe. Quest'ultime servono per il riscaldamento della casa, e vanno installate all'interno, mentre le caldaie devono essere necessariamente essere installate all'esterno, anche per ragioni di ingombro (il serbatoio per impianti molto grossi può contenere fino a 2 quintali di pellet).

Una caldaia a pellet ha un costo piuttosto elevato, soprattutto se confrontata con una a condensazione. Si può arrivare a spendere fino a 5.000 €. In compenso, il costo del combustibile (il pellet) è piuttosto basso. Questi tipi di caldaie hanno un elevato potere calorifico e un impatto ambientale molto ridotto. 

Caldaia multi-combustibile

Le caldaie multi-combustibile rappresentano un’alternativa ecologica a quelle tradizionali, e possono essere utilizzate sia con pellet che con il nocciolino. Il nocciolino è un biocombustibile prodotto dagli scarti delle olive (polpa, buccia e nocciolo). Il costo di questo biocombustibile è molto più basso, più del pellet. La caldaia multi-combustibile va installata Il serbatoio della caldaia può arrivare fino a 50 kg, pertanto c'è bisogno di uno spazio molto ampio per l'installazione.

Questa è una breve panoramica sui vari tipi di caldaie, ma se hai bisogno di maggiori informazioni, non esitare a contattarci. Puoi farlo attraverso il nostro numero di telefono 0240707023, con un messaggio Whatsapp al 3755742907 o con una mail a info@missclima.com.

Articolo successivo Igienizzare il condizionatore in tempo di Coronavirus. Consigli utili